News Assicurazioni

Allianz, chiusa la terza edizione del Progetto Dualità Scuola- Lavoro

Scritto da Redazione


Venerdì 23 ottobre si è svolta la cerimonia di consegna degli attestati, realizzata in modalità virtuale con i ragazzi, i presidi degli istituti scolastici di riferimento, i rappresentanti della Camera di Commercio Italo-Germanica e i responsabili degli uffici dove i giovani hanno lavorato, tutti collegati da remoto all’Auditorium della Torre Allianz a Milano, dove sono intervenuti il Direttore Generale della Compagnia Maurizio Devescovi e il Responsabile delle Risorse Umane Letizia Barbi.

Il progetto prevede un’esperienza di lavoro in Allianz strutturata in due anni con un contratto di apprendistato part time al 30%, una retribuzione annua lorda di 7.000 euro e i benefit aziendali riconosciuti per tutti i dipendenti della Compagnia. Il progetto prevede annualmente l’inserimento di 30 giovani, per un totale di 60 giovani presenti in azienda ogni anno: il prossimo ciclo prenderà avvio nei primi mesi del 2021. Complessivamente, i giovani studenti assunti in azienda dal 2016 ad oggi sono stati 120. il prossimo ciclo prenderà avvio nei primi mesi del 2021

Aprendo la cerimonia virtuale Letizia Barbi ha detto: “Siamo orgogliosi di tutti voi, che avete concluso brillantemente il vostro percorso in Allianz, consapevoli del fatto che due anni di studio e di lavoro sono impegnativi. Avete portato a termine il programma con profitto, ottenendo successo negli studi e portando entusiasmo ed energia nei nostri uffici. Quest’anno abbiamo un nuovo importante riconoscimento, motivo di orgoglio per voi e per tutti gli istituti nostri partner. La società di formazione DUAL.Concept della Camera di Commercio Italo-Germanica, che aveva già certificato il nostro programma duale al massimo livello conseguibile al di fuori della Germania, ci ha assegnato l’ulteriore riconoscimento ufficiale di Qualified Partner, sottolineando nella motivazione che il nostro progetto formativo

rappresenta in Italia un importante punto di riferimento ed esempio virtuoso di un modello di formazione professionalizzante di successo”.





Source link

Sull'autore

Redazione

Lascia un commento